Sessualità/pubertà precoce. “Le mamme dicono che…”

 

Mamma Flora: “R. si è sviluppata a 11 anni e mezzo. Non mi sono inquietata più di tanto. Il pediatra mi ha rassicurata che era in linea con la sua età e la sua etnia. Mi sono poi ricordata che una mia compagna di scuola delle elementari, italiana, ha avuto le prime mestruazioni in quinta elementare.”

Mamma Renata: “La mia bambina è seguita da un endocrinologo. Ogni 28 giorni fa un puntura per bloccare la pubertà precoce. Abbiamo prima fatto ecografia, lastre al polso e misurazione del cranio oltre agli esami del sangue per controllare gli ormoni. Ha 7 anni. Il tutto durerà per circa 2/3 anni dopodiché nel giro di un anno avverrà lo sviluppo. Finora non abbiamo avuto nessuna controindicazione.”

Mamma Lia: “Mia figlia è arrivata in Italia da un anno. Dai 9 ai 10 anni è cresciuta ben 15 cm e continua a crescere. Inoltre sta sviluppando curve femminili. La pediatra non ci ha messo in allarme. Da insegnante posso dire di aver visto bambine italiane svilupparsi in quarta elementare. Penso che un grande impulso sia dato dall’alimentazione più ricca e dalla serenità. Insomma, qui da noi possono permettersi di crescere!”

Mamma Carla: “La mia piccola A., di origine polacca, ha iniziato a sviluppare il bottoncino mammario a 7 anni e dopo 6 mesi l’endocrinologa ha ritenuto opportuno iniziare la cura ormonale per evitare i problemi connessi a questa “patologia”, soprattutto per un corretto sviluppo osseo. La cura da circa un anno e mezzo e spero che tra 6 mesi potremo smettere questa “tortura”. Secondo me a nove anni è del tutto normale che si inizino a vedere i primi segni dello sviluppo.”

Storia familiare. Matteo e Lara: “Il racconto autobiografico per la psicologa dell’ASL”

“Dopo i primi due incontri di gruppo con altre coppie in cui l’assistente sociale e la psicologa ci hanno introdotto al mondo dell’adozione e ci hanno chiesto come mai eravamo intenzionati ad adottare, la psicologa ha chiesto a ciascuno di redigere la sua storia personale. Mi ricordo che per renderla interessante l’ho condita con aneddoti particolari della mia infanzia che probabilmente non interessavano a nessuno. Mio marito, invece, ha presentato una storia per punti, molto più scarna, sostenendo che alla psicologa interessavano solo le tematiche delle relazioni familiari. Conservo ancora i due fogli. Non li ho più letti. Ricordo però che quegli incontri di coppia ci facevano un gran bene. Forse era un modo per prenderci del tempo per noi. Uscivamo dal Consultorio mano nella mano come due fidanzatini.”

Storia familiare. Mamma Paola: “Darsi tempo all’inizio della storia di una nuova famiglia”

Testimonianza Convegno ICYC 2012 – La storia siamo noi

“Al convegno di quest’anno mi è stata chiesta una testimonianza sull’età preadolescenziale. Cerco di focalizzare il concetto di ‘preadolescenza’ e rifletto  che in realtà, con mia figlia oggi tredicenne, ho invece la sensazione che non siano applicabili definizioni nette. Decido di testimoniare semplicemente i passaggi più significativi di questi primi cinque  anni  di post adozione, qualunque sia la loro definizione, forse perché penso che la preadolescenza possa avere radici lontane.

Circa cinque anni fa, a fine luglio, mio marito ed io rientrammo in Italia con nostra figlia, dopo una permanenza di quasi due mesi in Cile. A metà settembre, l’inizio della scuola. Ricordo la telefonata  di una signora della Fondazione – una mamma adottiva  – che mi consigliava di tenere a casa la bambina da scuola, per 6 mesi o un anno, di stare con lei, a casa dal lavoro, per poterla ‘sentire veramente mia’, per costruire il nostro ‘legame di madre e figlia’.

Io e mio marito ci pensammo un po’, consultammo un paio di coppie adottive, valutammo anche il ‘nulla osta’ della psicologa cilena. E pensammo che il mio part time fosse sufficiente. Eppure, l’aver deciso di mandare nostra figlia a scuola quel settembre (pur se iscritta alla 1° classe, quindi con un ‘vantaggio’ di due anni), e, ancor più, nell’unica formula disponibile del ‘tempo pieno’, è stata una decisione che, nel mondo dei ripensamenti, con la sensibilità di oggi, metterei in discussione.

Oggi, quando mi volto indietro, vedo quella miriade di capricci iniziali, di intemperanze e di opposizioni, come il suo grido di disagio. E vedo anche la nostra inadeguatezza iniziale. I nodi per nostra figlia erano la gestione delle frustrazioni e dell’esclusione sociale, le difficoltà cognitive, le relazioni con gli altri. Dopo quasi due anni di post adozione sembrava che quei nodi avessero quasi un crescendo di intensità.

Decidemmo di chiedere aiuto alla psicologa della Fondazione ed entrammo in un progetto di sostegno all’inserimento scolastico. Il primo feedback dei professionisti fu un giudizio di inadeguatezza del corpo insegnanti sotto il profilo relazionale con la bambina. Realizzammo che i veri Insegnanti sono quelli che si accertano di aver trovato le strade efficaci per insegnare, che si spendono per una relazione non superficiale con chi resta indietro e ha più bisogno. Cambiammo scuola e finalmente trovammo due insegnanti meravigliosi: gli ultimi due anni di scuola primaria sono stati un sogno; ho visto mia figlia andare a scuola volentieri poiché si sentiva accolta, soprattutto dagli insegnanti. Anche i quaderni hanno iniziato a parlare di un’altra bambina. Ricordo un commento di questi meravigliosi insegnanti: ‘..basta saperla prendere..’. In due anni non mi hanno mai chiamato una volta perché gestire ogni situazione in classe (e qualcuna un po’ spinosa c’è stata) faceva parte, come mi hanno riferito, ‘del loro lavoro’.

In questa relazione di aiuto, il secondo consiglio, per noi genitori, fu di migliorare il clima famigliare marginalizzando in qualche modo il tema ‘scuola’. Purtroppo la nostra società oggi offre un sistema scolastico che ha dei ritmi e degli obiettivi del tutto innaturali per i bambini. I ritmi sono quelli del lavoro degli adulti. Gli obiettivi spesso sono, nella sostanza, di uniformità e non di rispetto delle diversità, di nozionismo e non di valori. Per chi non resta al passo e non si inserisce la scuola può diventare un lungo disagiato parcheggio.  Seguendo il consiglio abbiamo iniziato a trasmettere il valore scuola semplicemente parlandone in casa in molti modi, senza insistere, disquisendone con un certo apparente distacco ed eliminando le estenuanti battaglie per fare i compiti. Accettando anche le decisioni ‘scolastiche’ a volte poco salubri di nostra figlia.

Riconoscendo che stava crescendo e che aveva il diritto di decidere da sola– ecco forse un tratto della preadolescenza – pur prospettandole serenamente le conseguenze delle sue azioni. In breve tempo ci siamo accorti che rispondeva molto meglio dove non trovava costrizioni bensì possibilità vera di scelta. Per noi genitori esercitare questa disciplina amorevole alla scuola, ma anche alle regole in generale, ha significato un esercizio salomonico di pazienza, l’esercizio del rispetto per definizione delle scelte di nostra figlia compreso quella di sbagliare; ha significato  il saper controllare la naturale preoccupazione che hanno tutti i genitori per il futuro dei propri figli oltre a metabolizzare nell’intimo che il valore di una persona non dipende in ultima analisi dalla sua carriera scolastica.

La scuola non doveva essere così importante da rovinare la nostra quotidianità famigliare. Marginalizzandola, abbiamo riscoperto e posto al centro dell’attenzione con nostra figlia molti altri temi di dialogo, su cui non c’era dissidio, su cui c’era molto più spazio per stimolarla, premiarla, sostenerla, darle fiducia ma anche esaudirla, accettarla e accoglierla senza pretese. Il tutto con l’obiettivo di darle un po’ di quell’autostima che normalmente dovrebbe arrivare da una età precedente alla scuola. Un tempo di nostra figlia che tutti noi – ma soprattutto lei – ci siamo persi completamente e di cui non saremo mai in grado di valutare fino in fondo i danni.  Ecco allora in che termini poteva e doveva avere un senso il darsi un tempo più o meno lungo, fuori dalla giostra della vita, all’inizio della nostra storia di nuova famiglia.

Da poco nostra figlia ha iniziato la 1° media e ci sembra che l’approccio sia positivo. Oggi, pur già in presenza di alcune situazioni di frustrazione vediamo che ha trovato in sé delle risorse per superarle. E questo per il momento è già positivo.”

Storia familiare. Papà Maurizio: “Con un adolescente è meglio prevenire il conflitto”

Testimonianza Convegno ICYC 2012 – La storia siamo noi

“Abbiamo adottato nostra figlia, che ora ha 19 anni, nel 2003. Una (brutta) sera di due anni e mezzo fa ci chiede di andare in discoteca e rientrare tardi. E’ domenica sera e la prospettiva che il giorno dopo vada a scuola con pochissime ore di sonno o addirittura salti le lezioni, non ci piace. Ma propongo io a mia moglie di darle fiducia e lasciarla andare. Risultato? Un amico suo ci telefona che sta male e che dobbiamo andarla a prendere. Non so ancora se è stato colpa dell’aver bevuto troppo (fatto che non si è più ripetuto) o di un colpo di freddo. Il risultato comunque non cambia: la ragazza puntuale con cui si poteva comunicare, pur con conflitti e dissidi, si trasforma e fa quello che vuole lei.

Saltano tutte le regole. Non risponde alle telefonate. Non risponde ai messaggi. Se ne infischia dei richiami e delle punizioni. E’ una vera e propria rivolta, senza quartiere e senza controllo. Con il senno di poi ho capito che molto hanno influito le amicizie negative, le quali unendosi al desiderio mal gestito di indipendenza e di affrancamento dai genitori, producono una miscela esplosiva.

Si arriva allo scontro fisico, che peraltro sconsiglio vivamente. Alle litigate furibonde, dove mi abbandono ad attacchi verbali nei suoi confronti che oggi non ripeterei, ma che mi sono strappati a viva forza dal suo comportamento. Non sai, in quei casi, a che santo votarti: se sei accondiscendente, allora temi che ogni insegnamento sulle regole vada a quel paese; se sei troppo duro, non hai una risposta come vorresti sul piano del comportamento e inquini il rapporto, rischiando di rovinarlo in modo irrimediabile. Il dialogo? Interessante soluzione, ma spesso non approda a nulla e comunque viene minato dal sentirti preso in giro, dalla provocazione. Le punizioni? Vanno bene, ma attenzione a non esagerare che altrimenti diventano inefficaci e ti si ritorcono contro.

Ora quel tempo sembra passato e nostra figlia almeno rispetta gli orari e mantiene un comportamento corretto. Su alcune questioni – impegno nello studio e un minimo di ordine e pulizia in camera – vi sono lacune profonde da colmare, ma il clima è più sereno.

Quali insegnamento ho tratto da questa esperienza, come padre? Ecco quanto mi sento di elencare:

 – Da evitare, specie se non hai il “fisico adatto”, gli scontri fisici e le parole pesanti che pure ti strappano dal cuore. Rovinano il rapporto e non servono nulla, se non a far credere il figlio o la figlia ribelle di essere nel giusto. Meglio una punizione che non ferisce e non umilia, ma brucia: non posso dire quale punizione, va scelta sulla base del rapporto e della situazione e del figlio. Di sicuro, non ha senso esagerare nella durezza della punizione, perché l’escalation del conflitto non porta da nessuna parte.

 – E’ giusto seminare: con l’esempio (anche nella compostezza con cui si litiga e si tenta di imporre un minimo di autorità); con la parola; aprendo gli occhi al proprio figlio o figlia sulle sue cattive frequentazioni. Non si avrà subito ragione, ma si semina e si danno a un figlio gli strumenti per capire e rendersi conto – anche se non ce lo dirà mai – che il papà o la mamma avevano ragione su un certo punto o su un certo amico. Io ho dato ragione ai miei genitori, dentro di me, anni dopo le loro parole. Ricordiamoci quindi che noi prepariamo i nostri figli alla vita e che non possiamo sperare (non ha senso farlo, anche se sarebbe bello) di vedere i risultati in tempi ragionevoli. Il nostro obiettivo è che diventino adulti consapevoli, e possiamo essere certi che le nostre parole non saranno sprecate: un giorno torneranno loro utili.

 – E’ buona regola prevenire il conflitto, anziché doverlo curare quando è all’ennesima potenza. Per questo bisogna cogliere per tempo i segnali, e comunque accettare il fatto che la “rivolta” contro di noi è comunque un passaggio sano verso l’autonomia. Quello che va evitato è che un figlio o una figlia si compromettano con gli altri (o, peggio, violino la legge), col rischio di pagare prezzi altissimi per gli anni a venire.”

Storia familiare. Mamma Maria: “Un diario che regalerò a mia figlia quando sarà grande”

“Mi è sempre piaciuto scrivere, fin da ragazza. Da quando abbiamo ricevuto la telefonata del Tribunale dei Minori per l’abbinamento (adozione nazionale) ho deciso di iniziare un diario per la mia bambina. Nessuno me l’ha suggerito, è nato da una mia spontanea esigenza di raccontarle la storia del nostro incontro. Ho pensato che un giorno, diventata grande (adesso ha 5 anni) avrebbe avuto piacere di conoscere i miei stati d’animo mentre l’attendevo. Giorno dopo giorno questo diario continua e si arricchisce. Segno i miei pensieri e le affermazioni simpatiche di mia figlia. Ho chiesto di partecipare anche a mio marito per integrare ricordi e momenti familiari significativi. E’ il mio modo di dirle: ”Sono felice che tu sia qui e cresca con noi”.

Curiosità. Esiste un sito dove una mamma adottiva, una pedagogista e un’illustratrice si propongono, dietro compenso, per costruire il libro della storia del bambino. Per maggiori informazioni vedere http://italiaadozioni.it.

Storia familiare. Mamma Ceci: “El libro de Vida”

“Che cosa ricordo dell’attesa? Sogni, paure, curiosità. Ho letto tanti libri, ho seguito i forum su internet e con mio marito ho incontrato tante persone. Direi che sentire l’esperienza di altre famiglie già collaudate dava maggiore concretezza al nostro sogno. Poi è arrivato l’abbinamento e abbiamo potuto sentire, via telefono, la vocina di nostra figlia dall’altra parte del mondo. Solo allora, quando abbiamo ricevuto le sue foto e noi abbiamo mandato le nostre, ho cominciato a costruire un album dove raccontavo a mia figlia come siamo arrivati ad incontrarla. Anche lei, seguita da una psicologa, stava costruendo il suo diario-album, “El diario de vida”. I due album sono andati avanti in parallelo ed è un dono reciproco che ci siamo fatti all’inizio per far incrociare le nostre vite. Sono stati completati in Italia con l’incontro della famiglia allargata. Il suo copre le tappe dei suoi trasferimenti nei vari istituti e ricorda le figure di riferimento importanti della sua vita. Il nostro è un affettuoso benvenuto ad una piccolina spaurita e sola. Mia figlia non è tipo da smancerie. Quell’album, però, a distanza di tempo, lo trovo spesso sul suo letto e la sicurezza che l’ha apprezzato ce l’ho quando lo mostra alle sue amiche più care.”

 Curiosità.  Dalle nostre conoscenze “El libro de vida” si prepara in Cile e Messico

Famiglie imperfette. Mamma Ticino: “Imparare ad educare”

 “Ho iniziato il mio percorso adottivo completamente ignara delle problematiche che avrei incontrato, rassicurata dall’assistente sociale di turno che me la sarei cavata senza problemi. Questa era, e purtroppo  è ancora oggi, la convinzione di chi opera in Ticino: con l’amore si superano tutte le difficoltà. 

Conoscere come i bambini vivono l’abbandono (come reagiscono alla perdita, quali comportamenti mettono in atto per non sentirsi vulnerabili, perché non riescono a liberarsi del profondo senso di colpa, perché restano ostaggio del trauma e hanno difficoltà a costruire nuovi legami, ecc.) è stato determinante per iniziare a capire e a comprendere. 

La conoscenza, invece, è qualcosa che si costruisce giorno per giorno: pensi di avercela fatta e poi ti accorgi che le cose non quadrano ancora. D’altra parte è difficile conoscere qualcuno che ha bisogno di “mimetizzarsi”, di nascondersi dietro una “maschera”, che ti chiede: “ma io chi sono veramente?” 

Sono convinta che far conoscere la realtà dell’adozione debba essere il nostro obiettivo primario. “Prima lo educhi e poi lo conosci”, è vero, ma abbiamo bisogno di imparare ad educare per poi condividere la nostra esperienza con gli insegnanti delle scuole, che hanno il difficile compito di accompagnare i nostri figli ad esplorare il mondo.” 

(fonte: spazioadozioneticino.blogspot.com)

Famiglie imperfette: “Essere padre… 4) La gratuità

di Roberto Vinco – sacerdote e padre affidatario

L’esperienza dell’ affido è caratterizzata soprattutto dalla “provvisorietà” e dalla “gratuità”.  L’affido di un minore è sempre a tempo determinato. Il periodo non lo decidi tu, ma un altro. Lo decide il Giudice del Tribunale. Talvolta proprio nel momento in cui il rapporto e il dialogo incomincia a crescere, un provvedimento del Tribunale o un intervento della famiglia di origine rischiano di interrompere tutto bruscamente, compromettendo il lavoro di mesi, di anni.  Inevitabilmente con i ragazzi si crea un profondo legame umano, che se non è vissuto con maturità e all’insegna della gratuità, non è facile poi affrontarlo con serenità ed equilibrio nel momento del distacco.

 Ciò che mi ha aiutato a crescere nella dimensione della “gratuità” è stato soprattutto il confronto quotidiano con la Parola di Dio.

Una delle pagine evangeliche più significative che mettono in risalto come la struttura portante della relazione è la gratuità e non la reciprocità è la parabola del “buon samaritano”.  Il buon samaritano è l’uomo che trova la propria identità soccorrendo l’altro.  Il Samaritano non si ferma a raccogliere l’altro perché l’altro è il suo prossimo. Infatti, non sa neanche chi sia quel povero malcapitato pestato dai briganti. Non vede neppure il suo volto. Per lui è un anonimo, l’ignoto. Eppure si ferma. Il suo gesto è pura gratuità.

In un bellissimo commento a questa pagina di Luca il filosofo e teologo Armido Rizzi vede nella parabola del buon samaritano un concentrato della teologia biblica dell’alterità.  La domanda iniziale che il dottore della legge fa a Gesù “ Che cosa devo fare per avere la vita eterna?” è una formula biblica per indicare il desiderio di trovare e realizzare la propria identità, scoprire e compiere il senso del proprio esistere.  Che cosa risponde Gesù? “ Va’ e anche tu fa lo stesso” In altre parole, come ha fatto il buon samaritano.  Perciò fare come il samaritano è la condizione per poter capire il senso del proprio esistere, il senso della propria vita.

Ma che cosa ha fatto il samaritano?  La parabola non ci dice “che ha amato il suo prossimo”, ma che “si è fatto prossimo”.

La novità sta proprio in questo. Infatti alla domanda del dottore della legge “ Chi è il mio prossimo?” Gesù contrappone un’altra domanda “ Chi si è fatto prossimo?”.  Questi due verbi: “essere” e “farsi” delineano due modi di essere molto diversi tra loro. L’ ”essere prossimo” indica un dato di fatto e definisce la collocazione dell’altro rispetto a te. Invece il “farsi prossimo” delinea una tua libera scelta, una tua spontanea iniziativa.

Per Gesù la dimensione dell’amore non è la reciprocità, ma la “gratuità”.  Io devo amare l’altro in ragione del suo bisogno, così come Dio-Padre ama ognuno di noi nella nostra radicale povertà.

Lo stesso insegnamento lo ritroviamo anche nell’altra meravigliosa parabola definita, a detta di molti a torto, la parabola del “figliol prodigo”.

Chi è, infatti, il vero protagonista del racconto? Il padre o i figli?  Ciò che scandalizza non è il comportamento dei figli. E’ abbastanza facile identificarsi nel comportamento di uno dei due figli. Chi non ha rifiutato qualche volta la casa del Padre? Chi di noi non si è sentito qualche volta invidioso?

Lo scandalo di questa parabola è l’atteggiamento del padre.

Di fronte alle richieste del figlio, non oppone resistenza. Lo lascia libero di andarsene. Non rompe le sue relazioni, ma continua ad attenderlo. Proprio la parabola sottolinea: “lo vide…,gli andò incontro…, lo baciò…”. Al ritorno non gli rinfaccia le sue colpe, non lo rimprovera, non lo punisce, ma gioisce e fa festa.  E’ un padre che perdona e ama di un amore gratuito.

Famiglie imperfette: “Essere padre… 3) Padre non si nasce, ma si diventa”

di Roberto Vinco – sacerdote e padre affidatario

Educatori non si nasce, ma si diventa, poco alla volta. Dopo i primi tre mesi dell’esperienza di affido volevo abbandonare tutto. Mi sentivo soprattutto incapace di affrontare certi problemi e situazioni umane così difficili e delicate. L’incontro con un ragazzo che ha subito ogni forma di violenza e che si ritrova con una personalità distrutta, fa crollare ogni schema educativo prefissato e ti costringe ad “inventare” di volta in volta il “che cosa fare” senza falsi preconcetti e con la disponibilità a ricominciare sempre di nuovo. Di fronte ai continui fallimenti sei costretto a recuperare una buona dose di “capacità-autocritica” attraverso una continua verifica dei progetti e dei programmi. Bisogna imparare ad accettare con serenità il proprio limite, la propria debolezza, la propria parzialità, cercando di non lasciarsi sopraffare dall’emotività. La coscienza del tuo limite ti mette in convizione di percepire il mistero che ti circonda.

Qual è la condizione fondamentale che sta alla base di una vera relazione?

Bisogna partire – scrive Lévinas – dall’ascolto dell’altro”.

Il vero atteggiamento perché il soggetto possa scoprire l’altro come soggetto e non come oggetto, è una profonda capacità di “ascolto”.

E “ascoltare” l’appello di chi si trova in difficoltà, vuol dire saper cogliere la negatività della persona che ha subito violenza per cercare di eliminarla, investendovi volontà, intelligenza, cuore, affettività, tempo, soldi. La totalità del mio “io”.

Vuol dire imparare a guardare la realtà dal punto di vista degli “sconfitti”, degli emarginati.

Il volto dell’altro, scrive Lévinas, è la “differenza” che come visitazione, irrompe con la forza della sua nudità di bisogno, e mi convoca alla responsabilità“.

Ciò che mi obbliga eticamente, prima ancora che religiosamente, a fare qualcosa per l’altro, è l’appello che ogni vita gracile e indifesa rivolge a me che le sto accanto.

Quindi più che “conoscere” l’altro bisogna anzitutto rendersi conto delle “responsabilità” che si hanno di fronte all’altro.

I care” aveva scritto don Milani sulla porta della scuola di Barbiana. ” Me ne importa, mi prendo cura“.

L’altro non chiede di essere compreso, conosciuto, posseduto o compatito. Chiede essenzialmente una risposta di “giustizia”, una assunzione di responsabilità.

C’è una espressione di cortesia che spesso diciamo quando incontriamo qualcuno all’ingresso di una porta: “Prego dopo di lei“.

Secondo Lévinas questo “dopo” non è semplicemente una formalità ma esprime qualche cosa di “ontologico-metafisico”: “l’altro ha sempre la precedenza su di me“.

Perchè? Perchè io non ho alcun potere su di lui. Anzi sono chiamato ad occuparmi di lui, del suo benessere, della sua salute.

E me ne devo occupare senza esigere reciprocità, perché la relazione con l’altro non è simmetrica.

La solidarietà non è una conoscenza in più, ma una diversa qualità della relazione con l’altro. Una relazione all’insegna del “dono” della “gratuità”, dell’ “uscire da sé”.

Ed uscire da sé non vuol dire perdersi o rinnegarsi, ma un “crescere”, un aprirsi a possibilità nascoste, imprevedibili. Vuol dire concepire la propria esistenza non più basata sul “conosci te stesso”, sul “potenziamento” del proprio io, ma sulla “relazione”. Una relazione che è un “faccia a faccia”, un entrare in rapporto, un “comunicare”.

Se non viene rispettata questa correlazione, le conseguenze sono tragiche. Infatti se l’io non ammette l’altro come soggetto cercherà di ridurlo ad oggetto. E questo vale non solo per le persone, ma anche per le cose, per la natura, per Dio.

Famiglie imperfette: “Essere padre… 2) Per poter dare, bisogna essere”

di Roberto Vinco – sacerdote e padre affidatario

 Le prime difficoltà mi hanno fatto prendere coscienza che “per poter dare veramente, bisogna prima essere”. Di fronte a certi problemi e a certe situazioni, non è sufficiente l’entusiasmo e la buona volontà. Occorrono preparazione, riflessione, maturità. L’incontro con la realtà dell’emarginazione ha infranto tutte le mie sicurezze, le mie certezze, ha messo in questione tutta la mia personalità. L’altro, in particolare l’altro-povero-emarginato, ti interpella, ti provoca, ti educa, ti cambia, ti costringe ad uscire dall’indifferenza, a cercare delle risposte, ad assumere delle responsabilità.

 La relazione con l’altro, dice Lévinas, è il punto di partenza per la ridefinizione di noi stessi. “E’ l’altro che fa scoprire te stesso”.

E il grande scrittore e poeta Pablo Neruda diceva: “Nascere non basta, è per rinascere che siamo nati”.

Ma per riuscire a mettere al primo posto l’altro, scrive Italo Mancini, “ci vuole un vero arrovesciamento di cultura e di mentalità”.

Bisogna passare dall’umanesimo del “soggetto”, dell’ “io”, all’umanesimo dell’altro uomo. Bisogna, dice ancora Ricoeur, deporre l’io dalla sua sovranità per far posto all’altro e ripensare la propria esistenza come “essere per l’altro, con l’altro e grazie all’altro“.

Occorre, come scrive Lévinas, vedere nell’altro “un volto da scoprire, contemplare, accarezzare”.

Ad Ulisse, ideale di uomo del mondo greco-classico, bisogna contrapporre la figura di Abramo, immagine dell’uomo che ha le sue radici nella tradizione ebraico-cristiana.

Ulisse è il simbolo dell’uomo che ricerca se stesso, che ha dei progetti ben delimitati e chiari, che pone la sua fiducia solo nelle sue forze.

Abramo invece è il simbolo dell’uomo che esce da sé, che si fida dell’Altro, che interpreta la vita come un continuo “esodo”.

Impostare la vita secondo gli schemi e i principi ben precisi di Ulisse dà molta sicurezza e tranquillità. Pur in mezzo a tante difficoltà e rischi, Ulisse sa dove va.

L’avventura di Abramo invece è molto più dura e piena di incertezze. Abramo non sa dove va, conosce soltanto quello che lascia. Ha il biglietto di sola andata e il suo domani è incerto. Il suo futuro non è “a casa”, ma “altrove”, non è in un ritorno, ma in una “uscita”. 

Ma il “rinascere” ad una nuova cultura, ripensare una nuova antropologia, non è frutto di una semplice decisione razionale. E’ necessario un lungo cammino di ricerca, di tentativi, di progetti, di fallimenti.

(continua…)