IcaR 2020 – UniCatt Milano

Ci sono ancora pochi giorni per partecipare come relatori a ICAR, International Conference on Adoption Research. L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano – Centro Studi e Ricerche sulla Famiglia – ospiterà l’evento nel luglio 2020.

Dear Colleague,

We remind you that the abstract submission for the 7th International Conference on Adoption Research (Milan, Italy, July 7-11, 2020) will close on

15th December 2019.

Please visit our website to see the guidelines for abstract submission (https://convegni.unicatt.it/icar-home-speakers).

You may submit your abstract by visiting the Ex Ordo system (you will be required to setup an account first): https://icar7.exordo.com/.

We are very thrilled to announce that there will be a Young Researcher Best Poster Award for student, PhD student, or postdoctoral researcher that are the first author of the submitted poster.

Winners will be announced during the ICAR7 conference.

For the first time in the history of ICAR, the conference will be preceded by two days of Summer School for graduate students, Ph.D. students and young researchers involved in the field of adoption.

Don’t forget to check our website and follow  ICAR7 Facebook page

Milan and the Università Cattolica del Sacro Cuore are looking forward to welcoming you!

Rosa Rosnati, Sonia Ranieri and Laura Ferrari

Natale tra gli ultimi del Brasile

Padre Paolillo, missionario comboniano che vive in Brasile a contatto con la realtà delle favelas, come ogni anno, ci ricorda cos’è il vero Natale.

Donare fa bene al cuore

LA GIOIA VERA VIENE DAL BAMBINO DI BETLEMME

Seguire Gesù non è facile. A volte significa “mettersi nei guai”, frequentare luoghi dove non vorremmo mai andare, entrare in contatto con realtà e persone scomode, affrontare sfide, provocare conflitti, fare i conti con incomprensioni, subire violenze fino al punto di essere appeso a una croce.

“Chi me lo fare!” è il dubbio in cui inciampa spesso chi decide di seguirLo. La tentazione di fermarsi a mezza strada e abbandonare tutto è molto grande. Perché imbarcarsi in un progetto di vita che costringe a rinunciare a se stesso, a rimpicciolirsi, a spremersi per passare per la porta stretta, a fare l’esperienza della solitudine e del fracasso, a relativizzare perfino gli affetti più cari, a circondarsi di persone che non contano, a prenderle da tutte le parti e a caricare una pesante croce?

Perché andare dietro a Qualcuno che non sembra preoccupato con i tempi, propone la realizzazione di un Regno di pace senza fissare scadenze mentre il male avanza a passi da gigante e vittime innocenti invocano giustizia?

Queste sono alcune delle domande che incalzano chi si ostina a seguire Gesù in questi tempi difficili, marcati dall’indifferenza, dall’individualismo, dall’odio, dalla mancanza di ospitalità, dall’avversione viscerale al Vangelo e da proposte attraenti che promettono soldi, potere e successo a condizione di non farsi scrupoli quando si tratta di calpestare gli altri, di distruggere la natura e di mettere da parte i valori.

Il Natale si avvicina ed io confesso che provo stanchezza. Ancora una volta, la liturgia mi invita a recarmi alla povera casa della periferia di Betlemme. La notizia arriva in piena notte, più tenebrosa del normale, quando sfrutto il meritato riposo dopo l’ennesima dura giornata di lavoro tra le miserie delle periferie esistenziali e le incomprensioni di chi il Vangelo lo legge a modo suo. Mi scaraventa giù dal mio comodo letto e mi obbliga ancora una volta ad infilarmi in strade malfamate con la paura di incontrare una brutta sorpresa dietro ad ogni angolo.

Sulla strada non sono da solo. Ci sono altre persone. Ma non è certamente una buona compagnia. Sono per lo più mendicanti, puzzolenti pastori, brutti ceffi, donne che vendono il corpo, delinquenti, adolescenti e giovani che fanno fatica a camminare sotto effetto di alcool e droghe. È una strana processione che si dirige alla stessa meta. Che cosa ci aspetta alla fine dei conti? Un imprenditore che ha deciso di donare ai poveri parte della sua fortuna? Un gruppo religioso che offre l´opportunità di fare una doccia e distribuisce un pasto caldo? Un babbo natale che dá le caramelle ai bambini buoni? L’ennesimo politico che sfoggia promesse in campagna elettorale? La soluzione miracolosa al problemi del mondo? Alla fine dei conti chi è che riesce a mobilizzare tutta questa gente?

Quale forza può trasmettermi un Bambino che ha bisogno di tutto? Quale speranza può infondermi nel cuore una creatura che viene al mondo in condizioni disperate? Che vita può scaturire da chi non sa neanche se sopravviverà alla povertà? Come potrà salvarmi uno che non riesce neanche a mettere in salvo la propria pelle?

Non vedo nessun motivo di allegria. Anzi, lo sconcerto mi travolge. Avrei avuto voglia di incontrare una soluzione rapida alle tante ingiustizie con cui convivo ogni giorno, un cambiamento radicale del mondo con un colpo di bacchetta magica, l’intervento miracoloso di un Dio forte che finalmente pone fine al dolore innocente. Invece c’è solo un bambino.

Ho voglio di tornare sui miei passi per continuare la mia stessa vita, facendo quello che posso. Da quella grotta, a prima vista, non mi viene nessuna ispirazione e nessuna consolazione. Ho l’impressione che sia l’ennesima fake news o l’idea delirante del sognatore di turno che ancora crede che sia possibile cambiare il mondo.

Eppure c’è un particolare che mi attrae. Nonostante la notte sia scura e fredda, malgrado l’estrema povertà della scena e dei suoi protagonisti, a dispetto della mia rabbia e delusione, c’è gioia dappertutto. Non viene dai beni materiali, non ce ne sono. Non scaturisce dal successo, c’è solo gente invisibile, costretta a vivere ai margini, nell’anonimato. Non promana dalle amicizie che contano, ci sono solo poveracci per i quali la porta non si apre mai, al massimo gliela sbattono in faccia.

C’è la gioia dell´incontro, dell´abbraccio, della solidarietà, della condivisione, dell’accoglienza reciproca senza pregiudizi e delle relazioni interpersonali impregnate d’amore.

Questa gioia mi attrae. In questo momento ne ho davvero bisogno. Lo so che costa caro. Non è facile intraprendere lo stesso cammino del Bambino di Betlemme. È un percorso in discesa che va in direzione opposta alla salita verso il successo e il potere. Semplicità, umiltà, povertà, pace, solidarietà, giustizia e gli altri valori indispensabili per vivere nella gioia sono sempre più scarsi sugli scaffali del consumismo che si veste da Babbo Natale e, grazie a una artificiale sensazione di bontà, seduce la gente a sentirsi generosi spendendo quattrini per farsi e fare regali.

I valori eterni sono doni che solo Lui può darci. Basta non avere paura, fidarsi di Lui, sapere sperare e non lasciarsi travolgere dalla fretta. L’aggressiva propaganda dell´economia di mercato offre una vasta gamma di surrogati di gioia a prezzi più accessibili e risultati immediati, anche se durano tanto quanto i fuochi d’artificio e portano con sé una lunga lista di effetti collaterali devastanti.

Si illude chi crede di oscurare il nostro orizzonte di speranza con le nubi delle sue perverse scelte o di distrarci con le sfavillanti luci dei suoi articifici propagadistici per impedirci di intravedere le scontille dell´alba dei nuovi tempi che, seppur in maniera piccola e fragile, scoppiettano da tutte le parti, incendiate dalla generosità e dal coraggio di chi è appassionato per la Vita fino al punto di rischiare la propria pelle.

Di scintilla in scintilla il fuoco dell´Amore incendierà il mondo. Vi garantiamo che noi continueremo a fare la nostra parte. Grazie a tutti voi che ci date una mano.

Ancora una volta vi auguro una profonda esperienza di Natale capace di inondare la vostra vita con la vera gioia.
Dio dica bene di tutti noi.

P. Saverio Paolillo
Missionario Comboniano in Brasile

**********************

Chi volesse donare a Padre Paolillo per i progetti in Brasile:

Diventa un collaboratore. Manda il tuo contributo:
MISSIONARI COMBONIANI – MONDO APERTO ONLUS
CONTO CORRENTE POSTALE:
Nº 28394377
OPPURE
BONIFICO BANCARIO:
 UNICREDIT BANCA
IBAN: IT 67 M 02008 11708 000005559379
 BANCA POPOLARE ETICA
IBAN: IT 68 V 05018 12101 000000512250
Causale:
CEDHOR Santa Rita – Progetto Legal