Storia familiare. L’esperto: ”La rielaborazione della propria storia in età adulta attraverso la scrittura autobiografica”

Secondo Duccio Demetrio – professore di filosofia dell’educazione e di teorie pratiche della narrazione presso l’università degli studi di Milano-Bicocca – la scrittura autobiografica è molto utile per l’adulto adottivo e non, perché aiuta a mettere ordine nella propria storia.Dopo i 40 anni si entra in una fase della propria vita in cui domane del tipo chi sono? a chi appartengo? la vita mi appartiene? è la mia vita? sono di ordinaria amministrazione.

“L’avvalersi della scrittura personale come occasione di condivisione non plateale, piuttosto riservata, oltre a rappresentare un veicolo di conoscenza reciproca è fonte di trasmissione di pensiero, di regole di sollecitazioni e richiami affettivi che seguono una strada diversa e parallela a quella usuale. (…) Scrivendo si espellono grida interne che non trovano altri canali espressivi; scrivendo si elaborano momenti dolorosi e di lutto e l’animo scopre la possibilità di placarsi rievocando, perdonando, mantenendo il proprio risentimento, scrivendo ci si ritrova protagonisti e attori di un oggetto materiale (il testo narrativo) che offre l’occasione di rileggersi e di auto stimarsi.”

L’autore prende per esempio il testo autobiografico scritto da un adulto adottato: “La via della conciliazione interiore è nella gratitudine: si trattava semplicemente di ringraziare i miei genitori naturali che non conoscevo, per il dono della vita, insieme ai miei genitori adottivi per la cura e la protezione ed il sostegno e di chiedere a tutti loro una sorta di benedizione. (…) non ci si può separare dalle proprie radici. Non ci si può separate dai propri genitori, qualsiasi cosa abbiano fatto. Tutti noi siamo i nostri genitori.”

La storia autobiografica è come un puzzle che si ricompone: “Tutti noi qualche volta abbiamo la tentazione, senza essere figli adottivi, di andare a rivedere i luoghi del nostro passato, a rivedere gli amici, a ritrovare le situazioni, spesso da questi luoghi torniamo con l’amaro in bocca e con una fortissima delusione. “

Ma dietro la ricomposizione autobiografica c’è anche il bisogno di lasciare una traccia: “Chi scrive la propria autobiografia ha sempre dentro di sé il desiderio di lascito agli altri. (…) I figli adottivi, adulti o meno, possono utilizzare l’autobiografia per ripercorrere e connettere le varie fasi della loro vita e farne, inconsapevolmente , strumento di riflessione e crescita per altri figli adottivi.”

(fonte: “Figli adottivi crescono” – Franco Angeli vedi “tag” sezione “libri” del blog)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *