Storia familiare. L’esperto: “L’approccio autobiografico: una metodologia per favorire la riflessività e la relazione.”

di Anna Maria Pedretti – Gruppo di coordinamento dei collaboratori scientifici della Libera università dell’autobiografia di Anghiari

L’approccio autobiografico si fonda sul concetto che ogni esperienza può diventare una narrazione, una storia raccontabile in prima persona e questo risponde al bisogno di trovare i modi più appropriati per documentare a se stessi e agli altri non solo i fatti e gli accadimenti del proprio percorso di vita, ma, soprattutto, il senso e i significati che a essi si possono attribuire da parte dello stesso narratore. L’atto del narrarsi diviene occasione di autoriconoscimento, in quanto attraverso di essa, viene aumentata la competenza di un «sapere narrativo di carattere autoriflessivo».

 La scrittura di sé è lavoro mentale che aiuta l’individuazione dei momenti di passaggio, gli accadimenti e i cambiamenti della propria storia. (…) nella ricostruzione della propria vita, chi scrive ha bisogno di capire il senso di ciò che ha vissuto, di inquadrare i singoli episodi, le emozioni, le rappresentazioni del mondo secondo un significato più generale che risponde alla necessità di mettere ordine, di spiegarsi i perché. Inoltre, scrivendo, e scrivendo tutta la nostra storia, rispondiamo alla necessità di trovare una struttura che raccolga i singoli episodi in un tutto unico e che può essere diversa a seconda del bisogno che avvertiamo nel momento della scrittura stessa.

Operiamo anche la ricostruzione di una rete di relazioni intersoggettive, familiari, sociali che sono quelle che ci permettono di riconoscerci come esseri unici e irripetibili, ma anche come appartenenti a una comunità di persone che interagiscono con noi e fanno parte integrante del nostro vissuto. Infine si verifica un altro processo mentale, denominato bi-locazione: in base a esso il racconto autobiografico diventa un testo dal quale l’autore può distanziarsi esercitando su di esso le capacità di analisi e di riflessione, in modo che la stessa esperienza diventi significativa e da essa il soggetto narrante possa imparare.

In altre parole, il lavoro evocativo, che innanzitutto stimola la memoria (…) La mente, cioè, non si limita a rievocare i ricordi, ma l’intelligenza retrospettiva costruisce, collega, colloca nello spazio e nel tempo, riesce a dar senso a quel particolare evento che ha evocato solamente se lo inserisce in un contesto passando dal momento evocativo e retrospettivo a quello interpretativo.

 (…) Si parla di sé per pentirsi, per giustificarsi, per scusarsi oppure per il puro piacere di raccontarsi. Man mano che si procede in questo lavoro si costruisce una nuova amicizia con se stessi, come davanti a uno sconosciuto, che gradualmente si impara a conoscere. (…) Mentre ci rappresentiamo e ricostruiamo la nostra storia, ci prendiamo in carico, ci assumiamo la responsabilità di ciò che siamo stati e che abbiamo fatto, ci curiamo, ci riappacifichiamo. La narrazione può aiutare a stare dentro nella sofferenza prendendone le distanze e ri-raccontandola, anche se dobbiamo essere ben consapevoli che non la elimina, rendendola però accettabile in quanto parte inevitabile dell’esperienza umana. Ecco perché il lavoro autobiografico è anche cura di sé.

(…) Riflettere sulla nostra storia di vita ci mette in relazione in modo naturale con la storia di vita degli altri, ci conduce alla ricerca delle analogie e delle differenze; il che ci permette di cogliere nelle diversità delle esperienze l’importanza e la ricchezza delle singolarità (…) la narrazione avvicina le persone, crea legami emotivi, permette quindi un migliore apprendimento, rendendo il sapere formativo. Certo la questione della valutazione è questione delicata in campo autobiografico, perché raccontare significa mettersi in gioco, esporsi al giudizio degli altri. (…) Sono ormai numerosissime le esperienze formative in vari ambiti – con gli operatori che lavorano nelle carceri, nelle case protette per anziani, nelle strutture sanitarie – dove la formazione autobiografica produce occasioni nuove e originali di intervento con le persone di cui ci si occupa.

Per quanto riguarda il percorso adottivo

(…) Raccontarsi come persone per presentarsi al nuovo venuto, in modo che possa condividere da subito almeno le parti più importanti e significative delle storie di vita dei suoi nuovi genitori, preparare per lui un ambiente in cui si sollecita (senza alcuna forzatura) la narrazione di sé perché possa superare i sentimenti di vergogna, di insicurezza, di solitudine. La condivisione dei ricordi rafforza la conoscenza e il legame d’amore tra i coniugi, li conferma nelle scelte fatte e li motiva nella immaginazione della costruzione di un futuro diverso rispetto a un passato fatto spesso di desideri frustrati. In questo modo si possono aiutare i genitori a preparare un tessuto narrativo familiare, una narrativa familiare, in cui si inizia a collocare il bambino; ossia, nell’attesa che si possano intessere narrative familiari che ospitano il bambino, ci si presenta, ci si fa accogliere oltre che prepararsi ad accogliere.

Possiamo perciò pensare ad alcune ipotesi di percorso, in cui invitare i genitori (accompagnandoli) a costruire qualcosa di concreto secondo un progetto che serva da una parte a loro stessi per riempire il vuoto e l’ansia del tempo dell’attesa e sia tale da poter costituire un patrimonio reale e concreto al quale la bambina (o il bambino) che verrà possa far riferimento per comprendere che è stata desiderata/o. 

a) Costruire un album di presentazione che, con l’aiuto di immagini di persone e luoghi, contenga soprattutto narrazioni (a se stessi innanzitutto, all’operatore e, in un secondo tempo, al bambino, in riferimento a ciascun genitore e a ciascun membro della famiglia allargata – nonni, zie, cugini) aventi per oggetto: chi sono io. L’album avrà naturalmente una parte finale vuota nella quale possa trovare posto – senza alcuna forzatura né costrizione, né eccesso di aspettative – la narrazione di sé (scritta o disegnata o riscritta dagli adulti attraverso il racconto orale) da parte della bambina o del bambino («Mi racconti chi sei? Mi descrivi il luogo in cui stavi prima di venire qui? Mi parli delle persone che erano con te? Mi racconti cosa facevi? Cosa pensavi? Cosa ti immaginavi?»).

 b) Costruire un diario dell’attesa con immagini, foto, disegni, poesie, scritture che racconti al bambino tutto l’iter percorso dai genitori (e da tutta la famiglia) dal momento in cui hanno preso la decisione di adottare. Il diario può contenere una parte finale aperta, in attesa dei racconti che genitori e figli scriveranno insieme.

c) Costruire una scatola dell’attesa dei genitori e, possibilmente di tutta la famiglia, in cui inserire piccoli oggetti, foto, pagine di diario, poesie, scritture legate alle esperienze più significative che i genitori fanno in uno strumento molto utile per favorire l’evocazione e la narrazione dei ricordi e per educare all’ascolto empatico e non giudicante è costituito dal «gioco della vita» (cfr. Demetrio, 1997). questo periodo (viaggi, partecipazione a spettacoli, mostre, incontri, esperienze professionali o sociali, ecc.). Stimolare l’immaginazione creativa dei genitori nella costruzione di una relazione significativa e affettuosa con il figlio può concretizzarsi nell’individuare i “doni dell’attesa” da mettere nella scatola: «Ti voglio donare… questa favola, questo racconto, questa poesia, questa musica, questa immagine, questo mio sogno, quest’idea, questo progetto, ecc.».

Tutti questi oggetti possono anche non servire nell’immediato al momento dell’incontro col figlio; possono anche non essere mostrati subito alla persona che entra nella nuova famiglia, ma costituiscono comunque un patrimonio che può essere condiviso in futuro e che può aiutare i genitori a coltivare sentimenti e atteggiamenti per una migliore accoglienza, a immaginare fin da subito una vita a tre.

La nostra identità si costruisce attraverso l’assorbimento delle storie che gli altri ci comunicano, attraverso l’assorbimento delle memorie altrui. Bambini in situazione di disagio, di sofferenza psichica sono quelli che non possono raccontare perché nella solitudine, nell’isolamento nessuno li ha accolti nelle loro memorie. (…)

 (fonte: Istituto degli Innocenti, “Qualità dell’attesa e dell’adozione internazionale” – 2010)

0 pensieri riguardo “Storia familiare. L’esperto: “L’approccio autobiografico: una metodologia per favorire la riflessività e la relazione.””

  1. I personally ponder precisely why you titled this specific
    blog, “Storia familiare. L’esperto: “L’approccio autobiografico: una metodologia per favorire la riflessività e la relazione.
    ” « ilpostadozione”. Either way I really enjoyed the article!

    Many thanks,Shenna

    1. Mi sorprende di ricevere un commento in inglese! Cara Shenna ognuno di noi ha una storia autobiografica. In questo caso si è cercato di calarla nel contesto adottivo perchè di questo stiamo parlando nel blog, della continuità della storia dei nostri figli, del mettere ordine nella loro vita anche attraverso il racconto, di unire due storie familiari, la nostra e la sua. E’ pur vero che il metodo autobiografico può essere utile per qualsiasi persona o famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *