La fuga da casa. Film: “I quattrocento colpi” di François Truffaut (1959)

L’immagine che mi è rimasta dentro è questo ragazzino che scappa e corre verso il mare. E’ stato il primo film che ho visto sui preadolescenti difficili e mi ha lasciato una grande poesia con retrogusto di amarezza. Merita di essere preso in considerazione.

Il piccolo Antoine, quasi ignorato da genitori distratti, risponde a un’evidente mancanza di affetto con atti di ordinario rifiuto delle consuetudini civili e finisce in riformatorio.

Per chi ama i bambini e l’arte di raccontare il loro mondo di Truffaut

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *