La solitudine delle mamme. Il personaggio: “Frida”

Frida Kahlo è una ragazza messicana eccentrica e fuori dagli schemi. Studentessa d’arte un giorno è vittima di un grave incidente mentre si trova sull’autobus che la conduce a scuola. Dovrà  essere operata più volte per poter condurre una vita normale. La sua forza di volontà le permette di superare l’infermità e inizia a dipingere. Sulla sua strada incontra Diego Rivera, famoso pittore messicano dell’epoca, iscritto al partito comunista, noto per la sua fama di seduttore. La introduce nel mondo dell’arte e della politica, presentandole illustri personaggi dell’epoca. Tra Frida e Diego nasce un rapporto più forte dell’amicizia, i due si fidanzano e dopo pochissimo tempo si sposano. Tra tradimenti e varie relazioni libere, i due si separano per risposarsi anni dopo. Frida muore a causa di una polmonite a soli 47 anni.

Mi è piaciuta Frida vedendo un film a lei dedicato (“Frida” di Julie Taymor – USA/Canada/Messico 2002). Quello che colpisce di questa donna è la sua forza e, al contempo, fragilità quando capisce di non poter diventare madre. I suoi quadri sono crudi e trasmettono il suo dolore di donna libera, ma non libera abbastanza da superare indenne il grande desiderio di maternità irrealizzato.

La solitudine delle mamme. Mamma Blog: “Amore di madre”

L’amore che provo per mio figlio
spesso mi stupisce e mi scuote.                                                                                           
 
 E’ un amore forte e resistente,
insistente nel volere bene,
anche se il bene in apparenza non ritorna.                                                        
 
 E’ caparbio e duro come un pezzo di granito che non si spezza.
Al tempo stesso è tenero come morbida balsa,
che si modella per voler bene in modo discreto e costante.  
                                                 
 E’ grandissimo al punto che non sta dentro il cuore
ma spesso straborda che non sai più dove metterlo
e allora va dappertutto.
                                                                                                         
 E’ puro come una calla profumata,
appena raccolta per essere mostrata a tutti.                                    
           
 E’ oscuro e misterioso come il buco profondo di una grotta nascosta,
che quasi fa paura per quanto è profonda.               
                                                                                       
 E’ diverso da ogni altro amore si possa provare,
perché è davvero oltre.                       
                   
 E’ inutile,
chi non ha stretto il figlio tra le braccia
non ha modo di capire quel che scrivo.                        
          
E non me ne voglia,
ma è così, ne sono sicura.
                   
 (fonte: postadozione.bloog.it)

La solitudine delle mamme. Mamma Raffi70:” La risposta viene dal cuore”

 (…) un conto è parlare delle difficoltà che una madre adottiva può incontrare, un conto è mettere in dubbio il suo amore, o comunque declassarlo, perchè non sarà mai uguale a quello di una mamma “naturale”. Questo è un punto importante: se uno arriva ad adottare, la domanda “ma io sarò in grado di amare questo figlio come se lo avessi partorito io?” se l’è posta, eccome!!!! ed ha risposto “SI, SI, MILLE VOLTE SI”, altrimenti non avrebbe senso fare un passo così grande e senza ritorno. Poi, tutti i problemi legati a quello che davvero comporta adottare un figlio, se c’è questo amore di fondo, si superano, ci si prova: ce la si mette tutta. Giusto porsi domande, giusto cercare risposte, ma la risposta più importante, alla domanda più importante, viene dal nostro cuore… solo lui può darla.

 (fonte: forum cercounbimbo)

Libro: “La solitudine delle madri”

.       Marilde Trinchero

      “La solitudine delle madri”

        Magi Ed 2008

    

Ho letto questo libro e mi sono sentita sollevata. Il tema affrontato è quello della maternità biologica. Eppure, io, mamma adottiva, mi sono riconosciuta. Le ansie, l’angoscia e il senso di inadeguatezza…..a volte condivise con altre, ma censurate all’istante perché certe cose non si  possono dire. 

“Tutti sappiamo che l’amore materno non è mai solo amore” – Umberto Galimberti – “A volte bisogna pagare prezzi molto alti per essere   fedeli alle parti più autentiche di noi.”

Dalla lettura di questo libro ho capito che il mio modo di essere madre non è sbagliato, è solo diverso dalla retorica comune. Perché oltre ad amare, io impreco, riconosco il mio non farcela, le mie debolezze e aggressività. Quella porta tra mia figlie e me si apre sempre quando ce n’è bisogno. Io ci sono.

Da regalare a madri adottive e biologiche per farle sentire meglio nei momenti d’incertezza